Io - VALENTINA RAMBELLI

Vai ai contenuti

Io

Da sempre circondata da musica e teatro, la sua formazione comincia al Conservatorio  Bruno Maderna di Cesena dove si diploma nel 2006, proseguendo poi il perfezionamento tecnico ed interpretativo con il Mezzosoprano di fama internazionale Evghenia Dundekova la quale in sede d'esame ne apprezza le spiccate qualità vocali, espressive ed interpretative.
Muove i primi passi sui palcoscenici lirici e teatrali come protagonista con il debutto nel 2007 del ruolo di Serpina nell’opera “La Serva Padrona” di G.B. Pergolesi al Teatro Diego Fabbri di Forlì, prodotta da Associazione Culturale “Opera Ovunque” per la regia di Gabriella Medetti, affiancata dal baritono Nicolàs Lartaun, sotto la direzione del Maestro Igor Buscherini.
Ripeterà poi nel giugno 2009 lo stesso ruolo presso il Teatro Rasi di Ravenna sotto la direzione del Maestro Marco Titotto, con l’Orchestra del Liceo Musicale G. Verdi di Ravenna, il basso Marco Bussi e il tenore e attore di teatro Gianluca Arno’.
Debutta il ruolo di Gilda nell’opera Rigoletto in occasione delle celebrazioni dell’anno Verdiano presso l’Auditorium Pedrotti di Pesaro accompagnata dall’Orchestra Filarmonica Marchigiana sotto la direzione del Maestro Stefano Sarzani.
Nel capoluogo marchigiano debutta nel 2011 il ruolo di Giulia nell'opera “La scala di Seta” di G. Rossini per il progetto “Rossini Live” organizzato dall'Associazione “I Rossinauti” e in collaborazione con “Rossini Opera Festival”.

La sua attività concertistica la vede impegnata in diversi contesti musicali tra i quali le collaborazione con Orchestra Filarmonica Marchigiana e Orchestra Sinfonica del Conservatorio G. Rossini di Pesaro nell’esecuzione di alcuni estratti dall’Opera di G. Puccini, “La Bohème” ricoprendo il ruolo di Musetta, con l’Ensemble Cameristico del Conservatorio G. Rossini di Pesaro eseguendo il Quarto Movimento della “Quarta Sinfonia” di Gustav Mahler, diretta dal Maestro Lorenzo Sbaffi per la rassegna “I concerti del Sabato”; con l'esecuzione di questo brano si aggiudica il premio “Speciale Novecento” al 9^ Concorso Internazionale musicale “Città di Pesaro” suscitando grande apprezzamento da parte dei membri della giuria e del presidente Gianni Tangucci per la cura interpretativa del brano, intensa espressività e tecnica solida.

Segue diverse Master Classes per il perfezionamento del repertorio e si aggiudica i seguenti premi: primo premio Concorso “Primo Palcoscenico” presso il Conservatorio di Cesena – Presidente di giuria Maria Cristina Mazzavillani Muti; primo premio assoluto al Concorso “L. Zanuccoli” – Sogliano al Rubicone (2012), secondo premio 90/100 all ‘8^ Concorso Internazionale musicale “Città di Pesaro” presidente di giuria Gianni Tangucci (2011). E’ anche unica finalista italiana al Concorso Internazionale “G. L. Volpi” - Latina (2010), presidente di giuria il Maestro Luis Alva.


A  settembre 2020 riveve un riconoscimento artistico in occasione della Master di perfezionamento con il Maestro Bruno DeSimone presso Villa Giulia Pavarotti di Pesaro, sotto l’organizzazione della Wunder Kammer Orchestra, riconoscendole la “solidità tecnico interpretativa, maturità musicale e duttilità che fanno di lei una artista completa”.

Oggi è la voce del duo acustico musicale Encuentros che ha all’attivo un album di brani editi arrangianti in chiave flamenca dalle mani del Chitarrista Carlo Calderano e che nutre tour concertistici che hanno toccato contesti, tra i più ambiti ed importanti nel settore.
E’ partner musicale della Pianista Simona Santini con la quale collabora nella attività didattica come docente di canto, mentre come cantante nel progetto dedicato alle colonne sonore da film e nel progetto dedicato al repertorio Liberty.

Il suo amore per la musica e le arti la impegna a contaminare la sua professione con diverse esperienze che vanno dalla composizione, alla scrittura musicale per poesia, alla scrittura di testi e al  canto in lingue popolari e complesse come ad esempio la lingua Basca.

E’ specializzata  in  Musicoterapia  dal 2013, presso l’Universitè J. Monnet di Brouxelles con centodieci e lode presentando una tesi articolata sulla voce come canale di ricerca di sé e cura interiore.
Dal 2009 è ideatrice e conduttrice del progetto di Musicoterapia "Un coro di Ricordi - percorso Musicoterapeutico nell'ambito delle malattie cognitive di tipo degenerativo"; tale progetto è stato ad oggi selezionato e inserito nella ricerca "Creative Ageing - dialoghi e progetti sulla terza età" esperienza ponte con i Paesi Bassi.
Il progetto Coro dei Ricordi ha festeggiato il decennale con un Convegno patrocinato dal comune di Ravenna e sostenuto dalle autorità sanitarie locali.


Torna ai contenuti